Italia protagonista del cinema Torinese.


0a53a46dc80732fc63536282d0e70939090245

Si è conclusa con la vittoria di una pellicola italiana, la ventisettesima edizione delTorino Film Festival, e come da pronostici è stato La bocca del lupo di Pietro Marcello a conquistarsi l’ambito riconoscimento della rassaegna torinese, un film che racconta la vera storia d’amore tra due ex-detenuti in quel di Genova, l’emigrato Enzo e il travestito Mary, è la prima volta che un film italiano vince il Festival di Torino e Gianni Amelio neo-direttore non nasconde un certo orgoglio per il risultato raggiunto.

A La bocca del lupo è andato anche il premio FIPRESCI, la giuria ha così commentato l’assegnazione:

Siamo fieri di dare questo premio ad un film sulla vita ai margini economici e sociali, tra il reportage e il melodramma. Un film poetico che contrappone immagini d’archivio a immagini girate oggi a Genova, tra Storia pubblica e Storia privata.

Ed ora dopo i convenevoli di rito scopriamo qualcosa in più sulla trama del film:

Enzo (Vincenzo Motta) emigrato siciliano torna a Genova dopo quattordici anni passati in carcere dove ha conosciuto e si è innamorato di Mary (Mary Monaco) un travestito detenuto nel braccio dei transessuali per una storia di droga. L’amore e il sogno di una vita tranquilla e una casa di campagna li accomuna, e una volta uscitaMary ha pazientemente aspettato il suo compagno che ora, finalmente libero potrà trascorrerle accanto il resto della vita.

0a53a46dc80732fc63536282d0e70939084904

 

Annunci